lunedì, Marzo 20, 2023

Creating liberating content

Why mononucleosis takes root...

Of all the viral infections that affect humans, Epstein-Barr virus (EBV) is one...

La prevalenza dei distubi...

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una malattia cronica dello stomaco e dell'intestino...

L’impatto dell’abuso di alcolici...

Il consumo di alcol sembra essere una pratica umana diffusa. Bere fa parte...

Il virus tumoricida TVEC...

Il carcinoma mammario triplo negativo, che rappresenta il 15% dei casi di carcinoma...
Home#ALIMETAZIONEDiabete tipo 1:...

Diabete tipo 1: rivalutate le diete a bassissimo tenore di carboidrati

Le diete a basso contenuto di carboidrati possono migliorare il controllo della glicemia nel diabete di tipo 1, con bassi tassi di ipoglicemia e altre complicazioni, secondo un sondaggio online dei pazienti. I ricercatori, guidati da Belinda Lennerz, MD, PhD, e David Ludwig, MD, PhD, del Boston Children’s Hospital, ora richiedono prove cliniche controllate di questo approccio. I risultati sono stati riportati oggi sulla rivista Pediatrics. I pazienti sono stati tratti da TypeOneGrit, una comunità di Facebook di persone con diabete di tipo 1 impegnate in una dieta a basso contenuto di carboidrati come raccomandato dal libro Dr. Bernstein’s Diabetes Solution (Richard Bernstein, MD, è un co-autore dello studio). Delle 493 persone che hanno partecipato al sondaggio, 316 hanno fornito informazioni sufficienti per essere incluse nell’analisi. Per 138 di questi partecipanti, i ricercatori sono stati in grado di confermare diagnosi di diabete, misure di controllo della glicemia, misure di salute metabolica e altri risultati con gli operatori sanitari o attraverso la revisione delle cartelle cliniche. Il 42 percento dei partecipanti erano bambini.

I partecipanti hanno riportato un’assunzione media giornaliera di carboidrati di 36 grammi, pari a circa il 5% delle calorie totali (per confronto, l’American Diabetes Association raccomanda che circa il 45% delle calorie provenga dai carboidrati). Valori di emoglobina A1c auto-riportati – la misura primaria del controllo della glicemia – mediamente nella gamma normale, al 5,77% (l’obiettivo è inferiore al 7% e i livelli prevalenti sono nella media dell’8,2%). I partecipanti hanno richiesto dosi di insulina inferiori alla media (media, 0,40U/kg/die) e quelle per cui i dati erano disponibili avevano misure favorevoli di sensibilità all’insulina e salute cardiometabolica, come bassi livelli di trigliceridi e alti livelli di colesterolo HDL. Preoccupazioni di sicurezza sono state sollevate su diete a bassissimo contenuto di carboidrati nel diabete di tipo 1, principalmente perché aumentano il rischio di ipoglicemia. Tuttavia, nello studio, i tassi di ospedalizzazione per ipoglicemia (1%), chetoacidosi diabetica (2%) e altre complicanze del diabete erano inferiori a quelli generalmente riportati per le popolazioni di diabete di tipo 1.

Più dell’80% degli intervistati è soddisfatto o molto soddisfatto della gestione del diabete. Eppure circa un quarto ha dichiarato di non discutere della dieta a bassissimo contenuto di carboidrati con i loro fornitori di cure per il diabete, alcuni che citano preoccupazioni per essere stati criticati o addirittura accusati di abusi sui minori. Gli autori dello studio osservano che una forte restrizione di carboidrati è in realtà un approccio molto vecchio nel diabete di tipo 1. Prima della scoperta di insulina, ha esteso la vita dei bambini, a volte per anni. Una volta introdotta l’insulina, la restrizione dei carboidrati non è più praticabile. Ma gli autori ritengono che le diete a basso contenuto di carboidrati meritino ulteriori studi nel diabete di tipo 1. Poiché questo studio era di natura osservativa e non controllato, richiede studi clinici randomizzati per testare rigorosamente la sicurezza e l’efficacia della dieta. I ricercatori sottolineano che i risultati di questo studio, da soli, non giustificano un cambiamento nella gestione del diabete. Tuttavia, suggeriscono fortemente che chiunque abbia il diabete apporti cambiamenti dietetici solo con la supervisione di un diabetologo o un nutrizionista.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Smythe K, Saw M et al.  J Hum Nutr Diet. 2018 May 15. 

Leow ZZX, Guelfi KJ et al. Diabet Med. 2018 May 8.

Lennerz BS, Barton A et al. Pediatrics. 2018 May 7.

Turton J et al. PLoS One. 2018 Mar; 13(3):e0194987.

Zinn  et al. BMJ Open. 2018 Feb 8; 8(2):e018846.

Get notified whenever we post something new!

spot_img

Create a website from scratch

Just drag and drop elements in a page to get started with Newspaper Theme.

Continue reading

Why mononucleosis takes root in some individuals and not for everyone? Science brings the answer to the “surface”

Of all the viral infections that affect humans, Epstein-Barr virus (EBV) is one of the most common. Upon initial infection, the virus causes mononucleosis in some children and young adults; this disease is characterized by non-specific symptoms, such as...

La prevalenza dei distubi mentali nella sindrome del’intestino irritabile: più alta di quello che si riteneva e con molte facce

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una malattia cronica dello stomaco e dell'intestino che colpisce fino al 15% della popolazione. Provoca crampi, dolore addominale, gonfiore, gas e diarrea. Circa il 10-20% degli adulti in tutto il mondo soffre di...

L’impatto dell’abuso di alcolici sull’ipertensione: conta solo l’alcolismo o anche il “bere sociale”?

Il consumo di alcol sembra essere una pratica umana diffusa. Bere fa parte della società umana in tutto il mondo; tuttavia, il consumo di alcol è stato fortemente collegato a malattie umane, tra cui cirrosi epatica, cardiopatie e condizioni...

Enjoy exclusive access to all of our content

Get an online subscription and you can unlock any article you come across.