lunedì, Marzo 20, 2023

Creating liberating content

Why mononucleosis takes root...

Of all the viral infections that affect humans, Epstein-Barr virus (EBV) is one...

La prevalenza dei distubi...

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una malattia cronica dello stomaco e dell'intestino...

L’impatto dell’abuso di alcolici...

Il consumo di alcol sembra essere una pratica umana diffusa. Bere fa parte...

Il virus tumoricida TVEC...

Il carcinoma mammario triplo negativo, che rappresenta il 15% dei casi di carcinoma...
Home#BENESSEREFumo e aspetto...

Fumo e aspetto del viso: alla ricerca dei tratti visibili comuni fra i forti fumatori

Il fumo pesante può avere un effetto causale sull’invecchiamento del viso, secondo una nuova ricerca condotta dall’Università di Bristol. Lo studio ha esaminato 18.000 tratti della coorte britannica Biobank per identificare quelli che potrebbero essere influenzati dal modo in cui qualcuno fuma. Oltre a riconoscere diversi effetti collaterali noti come sulla salute dei polmoni, la ricerca ha anche scoperto che il fumo pesante potrebbe influenzare l’aspetto. Lo studio, pubblicato oggi su PLOS Genetics, è stato condotto dall’Unità di epidemiologia integrativa MRC dell’Università (IEU) e supportato anche dal Centro di ricerca biomedica NIHR di Bristol (BRC). I ricercatori hanno voluto dimostrare un nuovo approccio che potrebbe essere utilizzato per testare sistematicamente gli effetti causali attraverso migliaia di risultati, combinando due metodi esistenti: l’approccio dello studio di associazione sull’intero fenomeno della randomizzazione mendeliana e i test di interazione gene per ambiente. Per testare il loro nuovo metodo, il team di Bristol ha cercato gli effetti del fumo pesante utilizzando la coorte britannica Biobank. Il team di ricerca ha scoperto che il loro approccio ha funzionato, poiché i loro risultati includevano diversi effetti noti del fumo più intenso, ad es. sulla funzione polmonare. Hanno anche identificato un interessante effetto potenziale del forte tabagismo su un maggiore invecchiamento del viso.

La loro scoperta si aggiunge alle prove che hanno scoperto che il fumo più pesante influenza l’attrattiva del viso e la quantità di rughe, che potrebbero essere motivi per incoraggiare qualcuno a smettere di fumare o impedire loro di iniziare. Mostrando che l’approccio funziona, potrebbe essere usato per cercare gli effetti di altre esposizioni, come l’assunzione di alcol. La randomizzazione mendeliana è una tecnica che utilizza la variazione genetica nel DNA di una persona per aiutare a comprendere le relazioni causali tra i fattori di rischio e gli esiti di salute – qui se quanto una persona fuma pesantemente influisce sugli esiti di salute. Il disegno dello studio gene-per-ambiente (GxE) può essere utilizzato per determinare se lo strumento genetico influisce sul risultato attraverso percorsi diversi dall’esposizione di interesse (pleiotropia orizzontale). L’approccio MR GxE è stato utilizzato per studiare l’effetto del fumo pesante su tratti quali l’indice di massa corporea (BMI) e la depressione/ansia. Un effetto causale di una variante genetica nota per influire sulla pesantezza del fumo, se l’effetto è solo attraverso l’assunzione di tabacco, dovrebbe essere osservato nei partecipanti che sono fumatori precedenti o attuali, ma non nei partecipanti che non hanno mai fumato. Pertanto, stratificando lo stato del fumo (mai contro mai), possiamo valutare se è probabile che la variante genetica della pesantezza del fumo influenzi un risultato attraverso la pesantezza del fumo o qualche altro percorso (o entrambi).

Tuttavia, la randomizzazione mendeliana è distorta se la variante genetica influisce anche sul risultato attraverso altri percorsi. Il team di ricerca ha utilizzato informazioni aggiuntive – che l’effetto del fumo pesante si verifica solo nelle persone che effettivamente fumano – per superare questo problema. Testando le associazioni nei fumatori di sempre e mai separatamente, sono stati in grado di valutare se la variante genetica influenza un risultato attraverso il fumo o un altro percorso. Se l’effetto è almeno in parte dovuto alla pesantezza del fumo, i ricercatori si aspetterebbero che l’effetto sia sempre diverso rispetto ai non fumatori, e ciò suggerirebbe che il fumo influenzi causalmente il risultato. Sono necessari ulteriori lavori per scoprire se sentirsi dire che il fumo può influire sull’aspetto è una strategia efficace per la prevenzione o l’interruzione del fumo. La dott.ssa Louise Millard, assegnista di ricerca presso la Bristol Medical School, Population Health Sciences, che ha guidato la ricerca ha dichiarato: “Abbiamo proposto un nuovo approccio che potrebbe essere utilizzato per cercare gli effetti causali delle esposizioni alla salute; e ha dimostrato questo approccio a cercare gli effetti del fumo pesante. Abbiamo cercato tra migliaia di tratti per identificare quelli che potrebbero essere influenzati dal modo in cui qualcuno fuma. Oltre a identificare diversi effetti collaterali noti come sulla salute dei polmoni, abbiamo anche identificato un effetto negativo del fumo più pesante sull’invecchiamento del viso”.

Usare questi dati per fare perno sulla vanità? Potrebbe funzionare….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Millard LAC et al. PLoS Genet. 2019 Oct 31; 15(10).

Hemani G et al. Hum Mol Genet. 2018; 27:R195-R208.

Ware JJ et al. Addiction. 2017 Oct; 112(10):1842-53.

Get notified whenever we post something new!

spot_img

Create a website from scratch

Just drag and drop elements in a page to get started with Newspaper Theme.

Continue reading

Why mononucleosis takes root in some individuals and not for everyone? Science brings the answer to the “surface”

Of all the viral infections that affect humans, Epstein-Barr virus (EBV) is one of the most common. Upon initial infection, the virus causes mononucleosis in some children and young adults; this disease is characterized by non-specific symptoms, such as...

La prevalenza dei distubi mentali nella sindrome del’intestino irritabile: più alta di quello che si riteneva e con molte facce

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una malattia cronica dello stomaco e dell'intestino che colpisce fino al 15% della popolazione. Provoca crampi, dolore addominale, gonfiore, gas e diarrea. Circa il 10-20% degli adulti in tutto il mondo soffre di...

L’impatto dell’abuso di alcolici sull’ipertensione: conta solo l’alcolismo o anche il “bere sociale”?

Il consumo di alcol sembra essere una pratica umana diffusa. Bere fa parte della società umana in tutto il mondo; tuttavia, il consumo di alcol è stato fortemente collegato a malattie umane, tra cui cirrosi epatica, cardiopatie e condizioni...

Enjoy exclusive access to all of our content

Get an online subscription and you can unlock any article you come across.